I borghi sardi più belli d’Italia 2019

Atzara, Bosa, Posada, Castelsardo, Carloforte e Sadali sono questi i borghi scelti per rappresentare l’isola dall’Associazione de “I Borghi Più Belli d’Italia”, questa associazione si è costituita intorno agli obiettivi di proteggere, promuovere e sviluppare i Comuni riconosciuti come i Borghi più belli d’Italia.

Per essere ammesso all’Associazione de “I Borghi Più Belli d’Italia” e utilizzare il marchio di cui questo è proprietario, ogni Comune deve soddisfare alcuni criteri – indicati come requisiti essenziali nella “Carta di Qualità” e nel “Regolamento”.

Ecco i paesi sardi che hanno questo riconoscimento.

atzara
abito tradizionale di Atzara
  •  Atzara per il vino.

Recentemente è stato istituito il sentiero naturalistico “Le Vie dei Vigneti” (Is Camminos de Is Bingias). Le prime vigne si scorgono appena fuori del paese, insieme con i boschi di roverelle e sughere. Dalla località Santa Vittoria si ammira il panorama più bello sui campi coltivati e i lunghi filari delle viti, appena a valle delle abitazioni.

bosa.jpg
panoramica di Bosa
  • Bosa

Intorno a Bosa ci sono oltre 40 km di coste incontaminate, di acque limpide e cristalline che lambiscono insenature e spiagge dove gli appassionati subacquei possono trovare fondali ricchi di coralli e aragoste. Tra le spiagge migliori, quelle di Cumpoltittu (5 km a nord), Porto Alabe (sulla litoranea che si dirige a sud) e Porto Foghe, un’insenatura scavata nella falesia. Da Magomadas a Tresnuraghes la costa è impervia, mossa, con scogli che si alternano a spiaggette, ma molto affascinante. A 5 km. da Bosa lungo la strada per Alghero, si trova il sito archeologico S’Abba Druche, testimonianza di un insediamento abitativo che va dall’epoca nuragica all’età romana imperiale.

carloforte
scorcio delle famose stradine di  CARLOFORTE
  •  Carloforte e la sua anima ligure

Pesca turismo, escursioni a mare su imbarcazioni noleggiabili, trekking e passeggiate sui numerosi sentieri dell’isola, bird-watching del – presso l’Oasi Lipu, attività balneari e nautiche, regate di vela latina.Al di fuori del centro, ci sono paesaggi marini di notevole bellezza: calette, insenature, scogliere e grotte sul mare. Da visitare anche la vicina isola di Sant’Antioco (collegata con il traghetto Carloforte-Calasetta), poco conosciuta ma con un mare che non ha nulla da invidiare a quello della Costa Smeralda. Nell’isola si trovano quattro domus de janas, grotte artificiali in cui erano seppelliti i defunti, e altre testimonianze dell’età pre-nuragica come i dolmen.

poasa
Castello della Fava di Posada
  • Posada

Posada è detentrice (da ben otto anni) delle “5 Vele di Legambiente”, per la pulizia dei litorali, la salubrità delle acque e il grande lavoro svolto per la conservazione del sistema dunale.
Il Porto Turistico di La Caletta offre diversi servizi per la nautica da diporto e la pesca.
Il borgo è inoltre teatro di un innovativo sistema di bike-sharing che agevola e incentiva la mobilità sostenibile.

Castelsardo01.jpg
Panoramica Castelsardo
  • Castelsardo

 

Lo specchio di mare sul quale si affaccia Castelsardo è compreso nei parchi nazionali dell’Asinara e dell’Arcipelago della Maddalena. Il territorio interno, invece, vanta un vasto parco archeo-botanico, dove sono visitabili siti megalitici e nuragici, domus de janas e in particolare la “Roccia dell’Elefante”, uno dei monumenti della natura più conosciuti della Sardegna. Castelsardo si trova in ottima posizione rispetto sia alla Costa Smeralda, sia ad Alghero e Bosa, anch’esse “città regie” di grande fascino.
A pochi km da Castelsardo, nel comune di Santa Maria Coghinas, vi sono le terme sulfuree di Casteldoria, particolarmente indicate per le patologie respiratorie ed articolari.

 

Su_stampu_'e_su_turrunu.jpg
Su_stampu_’e_su_turrunu, Sadali

 

 

  • Sadali

Boschi di lecci, rovere, sughere e macchia mediterranea circondano l’abitato di Sadali. Il fiume Flumendosa conferisce ulteriore fascino al paesaggio, mentre l’altopiano ha un aspetto brullo e spoglio, eccetto sprazzi di foresta che un tempo lo ricopriva interamente. Il multiforme territorio è stato abitato da età nuragica: vicino al borgo c’è il nuraghe Accodulazzo, dove sono stati rinvenuti pezzi di ossidiana e cocci preistorici, nonché frammenti di ceramica di età romana.Su Taccu è un serbatoio di falde che alimentano una miriade di sorgenti, torrenti e cascate, tra cui su Stampu de su Turrunu, un prodigio della natura al confine fra Seulo e Sadali. . Sadali è anche l’unico caso in Sardegna di una rapida all’interno del centro abitato: è la cascata di san Valentino, formata da sorgenti perenni, che deve il nome alla vicina antica parrocchiale di San Valentino, attorno alla quale, prima del 1335, è sorto il borgo. Ammirerai la forza dell’acqua che scorre lungo un costone verde e sfocia in un baratro sotterraneo, sa bucca manna (la grande bocca), dotata di un sentiero per la visita.

 

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo nelle tue pagine social

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...