Senza categoria

Mazzinas, Ocru Malu, Ogru Malu, Is Oghiadoris e Is Pinnadeddus : sono tanti modi e le ”soluzioni” sarde tramandate dai nostri antenati per scacciare il Malocchio.

Sin dai tempi più antichi si riteneva che l’occhio simboleggiasse una sorta di connessione tra l’interiorità e i nostri pensieri più intimi: non a caso si dice che gli occhi sono “lo specchio dell’anima”.

In Sardegna il malocchio assume svariate definizioni :

ocru  malu nel nuorese, ogru malu nel logudorese e ogu malu nel Campidano.

In questo articolo vi sveliamo cosa sappiamo noi sul malocchio.

Is Oghiadoris sono le persone di cui si conosce per certo il loro potere di colpire con il malocchio con più frequenza ed efficacia di qualsiasi altra persona normale, e tale potere si trasmette di genitore in figlio per generazioni. Ma cos’è secondo molti cos’è quello che scatena il Malocchio?
Secondo tutti sarebbe il desiderio, l’ammirazione o l’invidia per l’altra persona.
In Sardegna proprio per prevenire il Malocchio la popolazione ha deciso di trovare soluzioni pratiche..

Vediamone alcune:

Is Pinnadeddus

Is Pinnadeddus sono delle piccole parti  di corallo o giada che venivano raccolti per formare una collana o un bracciale. Venivano e vengono  fatti indossare ai bambini o nascosti tra le fasce dei neonati per preservarli dal malocchio.

Nudus

Un altro tipo di amuleti contro il malocchio sono i Nudus  spesso composti da tre grani di sale, tre semi di asfodelo, valeriana e tanti altri componenti quanto le idee delle persone che dovevano costruirne uno. L’amuleto  infine doveva essere chiuso con del nastro verde in quanto gli veniva  riconosciuto il potere di annullare l’occhio e di portare bene.

L’occhio di Santa Lucia

Chi di voi ha  visto almeno una volta un occhio di Santa Lucia al mare?

Ebbene si anche l’occhio è uno degli amuleti più popolari contro il malocchio. Gli si associa il potere di occhio buono e protettivo capace di bloccare ogni altro occhio malevolo.L’occhio di Santa Lucia può essere indossato sia come gioiello che nascosto tra gli abiti.

 

I cocchi

Il cocco è l’amuleto più conosciuto in Sardegna.  Su Coccu è  una sfera che simboleggia l’occhio buono, che si contrappone a quello cattivo, attirandone lo sguardo. In passato veniva appeso alle culle dei neonati e utilizzato come gioiello sul corsetto delle donne.
Secondo la tradizione protegge chi l’ha ricevuto in dono e si dice che  se gli influssi negativi sono troppo forti, il cocco addirittura si poteva spezzare ma la persona rimaneva illesa.

E  voi che altri amuleti e soluzioni avete contro il malocchio?

 

Condividetelo nelle vostre pagine social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...