Senza categoria, viaggi e avventure

Come Londra ha Hyde Park e New York ha Central Park, Nuoro ha il Monte Ortobene. La storia del Redentore

L’ultima volta che siamo stati a Nuoro è stato per la manifestazione “Mastros ” in Barbagia. Dopo aver visitato le tante corti, camminando, abbiamo guardato verso il Monte e abbiamo detto:

Perché non andare a vedere il Redentore?

Era da tempo che non salivamo e non ci ricordavamo di tutti i particolari bellissimi che si possono trovare non solo in cima ma anche durante il tragitto. Il monte è stato da sempre amato dai Nuoresi e dagli abitanti dei paesi limitrofi, tanto da decidere di percorrere ore e ore di tragitto a per arrivare in cima al monte in devozione al Santo. Anche la grande scrittrice premio Nobel definiva il monte così:

“È il nostro cuore, è l’anima nostra, il nostro carattere, tutto ciò che vi è di grande e di piccolo, di dolce e duro e aspro e doloroso in noi”.

Grazia Deledda

 

Siete pronti a percorrere la strada del Monte Ortobene fino ad arrivare in cima?

Il nostro percorso è iniziato dalla Chiesa della Solitudine, dove  all’interno si trova un piccolo sarcofago contenente le spoglie della scrittrice che ha tanto amato questo paesaggio e questa chiesa che è stata più volte menzionata nel suoi romanzi. Per arrivare alla chiesa vi è una graziosissima gradinata, questa conduce al parchetto adiacente alla chiesa e proprio lì vi è il primo sentiero che si può percorrere a piedi per arrivare al Monte. Anche salendo in macchina si può apprezzare la bellezza del paesaggio che ha tanto da regalare.

La Casa nella Roccia.

Lungo la strada si possono trovare tantissimi paesaggi degni di nota: molte fontane e molti sentieri pronti per essere scoperti dagli amanti della natura, ma non c’è solo quello..nella strada, andando verso il monte, si può trovare una casa davvero singolare che è stata chiamata la “Casa nella Roccia”. Una casettina incastonata all’interno di un enorme roccia,  singolare e maestosa, è impossibile non fermarsi a  guardarla.

28124552_1816046151804060_668400748_o
Casa nella Roccia

Il Monte Corrasi.

Il monte Corrasi è stata una sorpresa anche per noi, vi consigliamo di ammirarlo dopo esser saliti, lungo la strada della discesa sarà più semplice fermarsi ad ammirarlo.  Il monte Corrasi è la cima più alta del Supramonte, è una meta ambita per esperti e  appassionati di trekking, che arrivano a Oliena per scalarlo.

23593492_1694196627322347_3833038232127636850_o.jpg
Monte Corrasi

I percorsi.

Come vi abbiamo già accennato prima, ci sono tanti sentieri che portano alla statua del Redentore, uno di questi è  il sentiero 101 che parte proprio dalla chiesa della Solitudine. Esso consente di raggiungere, passando per  la foresta, il Redentore. Si possono ancora trovare le croci di ferro infisse sulla roccia , che ricordano l’itinerario seguito dai pellegrini che nel 1901( 117 anni fa) accompagnarono in processione la statua del Redentore sino all’attuale posizione.

mappa monte
Percorso per arrivare al Monte

Prima del Monte

Prima di arrivare al Monte si può trovare l’ormai inutilizzato Albergo ESITEnte Sardo Industrie Turistiche. Uno dei primi alberghi costruiti negli anni cinquanta per poi diventare una scuola alberghiera.

Il Monte

Ebbene si, ogni volta che ci capita di passare a Nuoro, qualsiasi sia il motivo del viaggio, andare al Monte è d’obbligo. Nulla di meglio della pace, della meraviglia del panorama e della maestosità del Redentore per rasserenare l’animo e riconciliarsi con la natura, con una bella passeggiata nei boschi, respirando un’aria impareggiabile. Ci sono tante attrazioni: un parco attrezzato con giochi per bambini, resti archeologici, panorami delle valli circostanti, sentieri nei boschi, la  chiesetta e non di meno la statua del Cristo Redentore. Un monte veramente  unico, “dolce e duro e aspro e doloroso” come afferma il Premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda. Se Londra ha Hyde Park e New York ha Central Park, Nuoro ha il Monte Ortobene.

 

La Storia del Redentore

In pochi sanno che alla fine del 19° secolo, in occasione del giubileo sacerdotale di Papa Leone XIII°, egli stesso espresse il desiderio di  innalzare, sulle cime di diciannove Regioni d’Italia altrettanti monumenti a Cristo Redentore, uno per ciascun secolo di cristianità e il ventesimo proprio  in onore di Leone XIII. La scelta in Sardegna ricadde  su Nuoro e l’organizzazione generale si occupò di definire le caratteristiche dell’opera e di reperire i fondi necessari, alla fine si  riuscì a raccogliere la somma di L. 13.825.55. La statua venne fusa a Napoli, fu divisa in tre parti e trasferita a Cagliari a bordo del piroscafo “Tirso”. Da lì venne condotta a Nuoro con il treno della Compagnia ferroviaria reale dove giunse il 19 agosto 1901. Il Redentore era maestoso, un  peso di 18 quintali e altezza di 7 metri.

Immagine

Come è stato possibile trasportarlo?

 

Questo fu possibile solo  grazie a robusti carri a buoi messi a disposizione dai contadini nuoresi. I lavori si conclusero la mattina del 29 agosto quando già una folla di 8.000 fedeli risaliva il Monte per la cerimonia inaugurale. Dal giorno nacque la festa del Redentore, destinata negli anni a diventare una delle più importanti manifestazioni religiose ed insieme turistiche della Sardegna.

 

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo nella tua pagina Facebook e fai conoscere questo esempio di eccellenza Sarda.

 

-SosBattorMoros-

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...